Edgerank di Facebook si rinnova

Non lontano dalle logiche di funzionamento dei motori di ricerca, anche il rinnovato edgerank di Facebook si preoccupa di fare una selezione qualitativa tra tutte le notizie che potremmo vedere nella Timeline. Le più recenti modifiche all’algoritmo che determina cosa appare sulle Notizie sono orientate a premiare la qualità dei contenuti punendo l’utilizzo di trucchi.

I criteri di visibilità dei contenuti introdotti di recente comprendono lo Story Bumping (permanenza dei contenuti di qualità), Last Actor (maggiore possibilità di vedere contenuti dalle persone con cui hai interagito di recente), e Chronological By Actor, che tenderebbe a raggruppare/evidenziare gli aggiornamenti in tempo reale dalle persone più seguite. Anche per quanto riguarda le pagine è fondamentale la rilevanza delle stesse per il lettore, il loro interesse effettivo, la loro credibilità. Particolarmente interessanti sono che rendono un contenuto poco visibile e che abbassano il tasso di visibilità generale di una Pagina. Il software analizza oltre mille diversi fattori per determinare la qualità dei post, tra cui eventuali segnalazioni degli utenti, il numero di volte che i suoi contenuti sono stati nascosti dai lettori, la completezza del profilo della Pagina, persino la sovrapposizione dell’audience di una Pagina con quello di altre Pagine riconosciute come di qualità.

Specificamente, Facebook dichiara di penalizzare post scorretti e pagine che li contengono, come quelli dove si chiede direttamente di mettere like. L’obiettivo che il social network persegue è quello di dare contenuti di qualità agli utenti, costringendo chiunque produce informazioni a un lavoro sempre più qualitativo che penalizza l’improvvisazione e la gestione amatoriale delle pagine.

Luca Bizzarri