Mobile advertising, il business cresce anche se l’Italia ci crede poco

La parola d’ordine degli ultimi anni nel campo dell’advertising è mobile. E’ emerso, infatti, da una recentissima ricerca effettuata dall’Osservatorio Mobile Marketing & Service della School of Management del Politecnico di Milano che la crescita di investimenti pubblicitari in un anno sugli smartphone e device sia del 129%, dove la maggior parte dello spazio acquistato è suddiviso tra Google e Facebook, rimanendo così agli operatori italiani uno strettissimo margine di manovra. Il valore infatti raggiunto nel 2013 nel mercato del mobile advertising si attesta attorno ai 204 milioni di euro, dove emergono come traino nella crescita il Display Adv e il Keyword Adv.

Gli smartphone sono diventati tra gli italiani veri protagonisti e i dati confermano la loro leadership: hanno infatti toccato quota 37 milioni con circa 27 milioni di italiani che si collegano online mensilmente per effettuare ricerche di ogni genere. Dal 2011 al 2013 la percentuale di utenti che giornalmente naviga su internet attraverso il proprio cellulare, è passata dal 50 al 73% con un tempo media di utilizzo giunto a circa 75 minuti, dai 45 del 2011.

La ricerca evidenzia come durante la navigazione gli utenti utilizzino i propri smartphone per accedere a particolari App o visitare i siti web dei brand preferiti o di quelli più utilizzati. Il settore che viene maggiormente “visitato” è il mondo dei Trasporti e Viaggi seguito dal settore Banche e Assicurazioni, Elettronica, abbigliamento e quello dei punti vendita per fare la spesa. Anche nelle diverse fasi dell’acquisto gli italiani utilizzano i propri telefonini all’interno dei negozi per confrontare i prezzi, segnalare ad amici gli acquisti o per utilizzare i buoni sconto su mobile.

Questo diverso atteggiamento degli utenti ha spinto le aziende a rivedere le proprie strategie di marketing e comunicazione, dove il mobile sta giocando sempre più un ruolo chiave soprattutto per la sua capacità di incrementare anche gli altri media. Per far sì che i benefici dell’adv su mobile diano i propri effetti all’interno del business aziendale, è necessario che le aziende attuino un’ampia strategia di comunicazione, allargata anche agli altri mezzi.

Numerose sono le opportunità che il mobile offre al marketing e alla comunicazione: non solo adv che risulta avere un altissimo riscontro ma anche il Mobile Couponing, ancora poco utilizzato nel nostro Paese. Ad ora solo il 10% dei retailer hanno realizzato un’App dedicata. Le aspettative per gli anni a venire sono naturalmente altissime.
Viste le crescita a tre zero dell’adv mobile, la ricerca attesta la nascita di numerose start up internazionali dedicate al mondo del mobile advertising, della mobile Promotion e mobile service.

Postato da Luca Bizzarri