Il futuro del SEO, digital marketing, Search Engine Optimization, fattori di ranking, SEO, posizionamento, AMP, Accelerated Mobile Pages, social media marketing

Cosa ci aspetta nel futuro del SEO?

Eccoci giunti al termine della nostro percorso dedicato al Search Engine Optimization. Quale modo migliore di terminare la nostra breve saga se non scoprendo insieme quelle che saranno le novità e quale sarà il futuro del SEO nel 2017?! Grazie agli articoli precedenti che trovate qui:

  1. Introduzione alla SEO e fattori di Ranking
  2. Fattori On Page
  3. Fattori Off Page

abbiamo imparato che il mondo digitale è un mondo in continua evoluzione e aggiornamento perciò per una strategia SEO vincente che permetta di rimanere competitivi nella “scalata” alla SERP dei motori di ricerca è indispensabile rimanere al passo coi tempi: la regola è be up to date to stay on top! Per questo motivo abbiamo deciso di concludere questo percorso rivolgendo uno sguardo al futuro del Search Engine Optimization, introducendo brevemente quelle che possono essere ritenute le vere e proprie parole d’ordine che sarà necessario conoscere se si vuole accedere alle competizione e lottare per il primato all’interno della SERP. Possiamo riassumere le principali tendenze che domineranno il panorama dei fattori di ranking per il nuovo anno saranno le seguenti:

  1. User experience
  2. Mobile only
  3. Social media
  4. Voice search

Partiamo dal presupposto che in questi ultimi anni i motori di ricerca hanno attribuito sempre più importanza all’esperienza e al ruolo dell’utente e se partiamo da questo assunto è facile capire come abbiano acquistato sempre più rilevanza anche i dispositivi mobile rispetto al desktop. La discriminante tra siti reponsive e non responsive è diventata sempre più determinante al punto che ormai non solo i motori di ricerca premieranno sempre di più i siti che risulteranno ottimizzati per i dispositivi mobile ma penalizzeranno tutti quelli che non non lo saranno.

Non viviamo in un mondo mobile first, viviamo in un mondo mobile only.
Avinash Kaushik – Digital Marketing Evangelist di Google

Se pensate che avere un sito responsive, visualizzabile da mobile, basterà per essere premiati dai motori di ricerca state commettendo un grosso errore di valutazione perché i fattori da rispettare per poter essere considerati user friendly e quindi conquistare una posizione di rilevo nelle pagine di ricerca sono molteplici e bisognerà essere competitivi su tutti i fronti. Insieme alla mobilità, la velocità rappresenta un’altra caratteristica tipica della società moderna a cui neanche le pagine web potranno sottrarsi. Perciò sarà necessario che sui dispositivi mobile le pagine web siano leggere e possano caricarsi velocemente a totale vantaggio della fruibilità dell’utente. Per poter creare pagine leggere che si caricano istantaneamente sono sufficienti semplici modifiche strutturali che rendono le pagine meno pesanti grazie all’utilizzo del protocollo open-source AMP’s (Accelerated Mobile Pages).

Altro importante fattore conseguenza della predominanza acquisita dai dispositivi mobile, in ottica sempre più user experience, che sta rivoluzionando le logiche della ricerca web è rappresentato dalla crescita della Voice search. Per poter rispondere alle nuove esigenze che la ricerca vocale richiede sarà necessario che il proprio sito presenti un copywriting il più naturale possibile, in modo da rispondere il quanto più possibile alle domande delle utente.

Last but not least abbiamo il ruolo dei Social Media in ambito SEO. La diffusione su vasta scala dell’utilizzo dei canali social ha ormai fatto sorgere un quesito a cui non si può più non dar voce: quanto può essere efficace l’integrazione tra strategia SEO e strategia di Social Media Marketing dal punto di vista del posizionamento di un sito web? Finora il potenziale di questa integrazione strategica è stata un po’ sottovalutata dagli esperti, tant’è che i link provenienti dai Social media network presentano nel codice l’attributo HTML “nofollow” che indica al motore di ricerca di non considerarlo e pertanto non influenzano il posizionamento all’interno della SERP. Col tempo ai social media si sta attribuendo sempre più importanza in quanto aiutano a raccogliere tutti quei segnali sociali che permettono di inquadrare meglio le abitudini e le caratteristiche dell’utente.

Questo nostro viaggio attraverso il futuro del SEO termina con questo piccolo scorcio su quello che e sarà il futuro ormai prossimo del Search Engine Optimization… ma chissà che non potremmo incontrarlo nuovamente più avanti?!

Federica Guarneroli